IL BEATO ANGELICO A ROMA (1445-1455)

Venerdì 16 marzo 2018 sarà presentato presso la biblioteca monumentale del Museo di San Marco alle ore 17:00 il volume di Gerardo De Simone “Il Beato Angelico a Roma (1445-1455). Rinascita delle arti e Umanesimo cristiano nell’Urbe di Niccolò V e Leon Battista Alberti”. Alla presentazione interverranno Stefano Casciu, Direttore del Polo Museale della Toscana, Sergio Chiostri, Presidente della Fondazione Carlo Marchi e infine Giorgio Bonsanti, Vincenzo Farinella e l’autore Gerardo De Simone.
La Fondazione Carlo Marchi ha permesso la pubblicazione dell’opera che fa parte della collana “Studi” della Fondazione Carlo Marchi, edita dalla Casa editrice Leo Olschki.

Il testo costituisce la prima monografia dedicata all’ultimo decennio di attività del Beato Angelico, che alla metà del XV secolo determinò una svolta epocale nella Roma del primo Rinascimento. Sommo esponente della pittura quattrocentesca, il domenicano Fra Giovanni da Fiesole operò al servizio di due pontefici, Eugenio IV e Niccolò V, di un cardinale, Juan de Torquemada, e per la casa madre del proprio ordine, Santa Maria sopra Minerva, dove alfine fu sepolto in una tomba monumentale.