Fondazione

Storia

La Fondazione Carlo Marchi nasce nel 1983 per volontà testamentaria del Dott. Cesare Marchi che la dota di importanti mezzi finanziari e della sede, con le opere d’arte che accoglieva cui aggiunge quelle appartenenti alla sua collezione personale. Ne stabilisce il nome intitolandola a suo padre Carlo, fratello di Giulio. Lo scopo della Fondazione è “diffondere la cultura ed il civismo in Italia” e al migliore compimento di questa volontà tutti i presidenti ed i consiglieri di amministrazione che si sono succeduti, hanno dedicato le proprie attenzioni, adoperandosi perché il fine statutario fosse raggiunto.

Organi Istituzionali

Consiglio di Amministrazione

  • Sergio Chiostri (Presidente)
  • Ferruccio Marchi (Vice Presidente)
  • Manfredi Bufalini (Consigliere Tesoriere)
  • Sergio Ceccuzzi (Consigliere)
  • Silvia Della Monica (Consigliere)
  • Giuseppe Mazzini (Consigliere)
  • Filippo Zevi (Consigliere)

 

Comitato Culturale

  • Sandro Rogari (Presidente)
  • Carmen Betti
  • Giovanna Ceccatelli
  • Giustina Manica
  • Piero Tani

 

Collegio dei Revisori dei Conti

  • Pasquale Russo (Presidente)
  • Paolo Caselli (Sindaco Effettivo)
  • Francesco Catelani (Sindaco Effettivo)

Sede

La sede della Fondazione fu costruita nel 1939 su progetto dell’Arch. Giovannozzi, commissionatogli da Giulio Marchi per farne la propria residenza e abituale dimora. Da allora nel corso di molti decenni l’edificio è rimasto invariato ed è quindi un perfetto esempio dell’architettura, e delle consuetudinii di vita della borghesia illuminata dell’epoca. L’interno dell’edificio conserva sostanzialmente gli arredi dell’abitazione del proprietario Giulio Marchi e le opere d’arte raccolte nel corso della sua vita. Alla sua morte la dimora divenne proprietà del nipote Dott. Cesare Marchi che successivamente la avrebbe destinata a sede della Fondazione.

Richiesta Visite

 
Trattamento dati personali
(D.L.vo 196/03 “Codice in materia di protezione dei dati personali”)
La informiamo che i dati personali richiesti saranno utilizzati nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia.

Autorizzate il trattamento dei dati